ANTINCENDIO – Slitta di un anno il Decreto Controlli: corsia preferenziale per i manutentori già certificati

Condividi

È di queste settimane l’annuncio della proroga di un anno – al 25 settembre 2023 – per l’entrata in vigore delle nuove regole sui percorsi formativi e sui relativi esami necessari a ottenere la nuova qualifica di manutentore antincendio rilasciata dai Vigili del Fuoco, obbligatoria secondo il Decreto Controlli del 1° settembre 2021.

Uno slittamento che coinvolge l’intero comparto di aziende e professionisti addetti alla manutenzione e ai controlli su impianti, attrezzature e altri sistemi di sicurezza antincendio, che già da anni aveva trovato la risposta a ogni esigenza di qualificazione e professionalità nella certificazione volontaria sulla base di schemi accreditati da enti certificatori di riferimento.

In anticipo a quanto previsto dal Decreto Controlli, infatti, la certificazione volontaria in ambito antincendio ha permesso di riconoscere e valorizzare la professionalità e le competenze di chi opera in un settore fondamentale per la sicurezza delle persone e degli ambienti. Grazie ai percorsi formativi propedeutici alla certificazione, all’esame per la verifica di conoscenze e abilità eseguito da un organismo terzo e alle sorveglianze e rinnovi periodici, la certificazione volontaria stimola i tecnici manutentori a mantenere aggiornate le proprie competenze. È dunque una garanzia di qualità sia per il professionista sia per l’azienda per cui opera, oltre a essere un elemento distintivo nella partecipazione a bandi di gara e domande di appalto.

La qualifica nuova introdotta del Decreto Controlli prevede quattro passaggi: corso, prova scritta, prova pratica e prova orale. I manutentori antincendio già certificati avranno accesso diretto alla ‘prova orale’ con i Vigili del Fuoco.

In quest’ottica la certificazione volontaria si inserisce e supera la qualifica introdotta dal Decreto Controlli e rappresenta, di fatto, una spinta alla competitività e alla valorizzazione di una professione che sempre più è chiamata a rispondere a nuove esigenze.

Gli schemi di certificazione in ambito antincendio elaborati da ICIM SpA, l’ente di certificazione di ICIM Group, in collaborazione con UMAN – l’associazione nazionale aziende sicurezza e antincendio in capo a Anima Confindustria – ed i relativi corsi di formazione rispondono alle rispettive prassi di riferimento e norme UNI nonché alle disposizioni introdotte dal Decreto Controlli.

Per maggiori informazioni: info@icim.it